La ruota dell’amore

L’inverno è ormai arrivato. E intorno a noi i colori si stanno spegnendo, le giornate si sono accorciate. Ma fermiamoci a guardare questo splendido esemplare di pavone che con la sua coda variopinta  si presenta come un vero e proprio inno alla vita.

20171115_172916.jpg

Questo uccello cosi elegante è il simbolo per eccellenza del narcisismo e della vanità- ci spiega la prof.ssa Maria Beatrice Toro in questa piccola intervista sulla rivista Starbene a cura di Rossana Cavaglieri.

Eppure, questa bellezza non è fine a se stessa ma è al servizio del corteggiamento e dell’amore. Quindi non pensiamo ad un semplice esibizionismo freddo e distaccato, ma piuttosto ad un amore che scalda il cuore e avvicina.

Annunci

Regalati un pizzico di follia

La natura ci regali degli spettacoli emozionanti ma anche delle creature bizzarre, come la rosolida o drosodera rotundifolia, una piantina grassa con dei piccoli tentacoli.

Round Leaved Sundew Drosera rotundifolia in marshland - Bavaria/Germany

Il suo aspetto eccentrico ci ricorda che anche noi possiamo regalarci ogni tanto un pizzico di follia, senza perdere di vista chi siamo e senza smarrire la nostra identità- ci spiega la prof.ssa Maria Beatrice Toro in questa intervista a cura di Rossana Cavaglieri sulla rivista Starbene.

Cerca di credere più in te stessa e nelle tue capacità. Non avere paura di esprimere le tue idee anche se gli altri le giudicano strane. Perchè proprio quelle idee potrebbero avere dei risvolti pratici, pur sembrando pazzarelle!

Un minuto per te… la forza della fragilità

2016-10-14 13.56.06.jpg

Un nuovo spunto di riflessione sulla rivista Starbene a cura di Rossana Cavaglieri che ha intervistato la prof.ssa Maria Beatrice Toro. Questa immagine ci rimanda un senso di fragilità, di perdita; la quercia, che è sicuramente l’albero più forte, si presenta mentre perde le sue foglie, dopo l’abbondanza e la pienezza dell’estate. I momenti di passaggio, nelle stagioni, così come nella vita- sostiene la prof.ssa Maria Beatrice Toro- ci rendono fragili ma non dobbiamo avere paura. Essere gentili e sensibili non rappresenta  una nostra debolezza, quanto piuttosto la  capacità di prenderci cura di noi stessi e degli altri, così come il ghiaccio accoglie le foglie ormai cadute.

Un minuto per te…sogna sempre in grande

2016-06-15 17.33.49.jpg

Un nuovo spunto di riflessione sulla rivista Starbene a cura di Rossana Cavaglieri che ha intervistato la prof.ssa Maria Beatrice Toro.

Questa volta lo scenario è la grande savana con le sue immense strade. Ma papà struzzo cammina tranquillo con i suoi piccoli e conosce bene la sua nidiata. Ciò che colpisce – sottolinea la prof.ssa Toro- è il modo in cui i piccoli seguono il genitore: fieri e fiduciosi, camminano accanto al padre e sembrano godersi l’avventura. Questo grande uccello ci mostra, contrariamente ai pregiudizi, l’importanza dei legami affettivi: con la presenza di una guida che ispiri fiducia tutti noi, così come questi pulcini, possiamo camminare sicuri verso l’ignoto.

E così possiamo sognare in grande, sempre.

Un minuto per te…l’onda della felicità

 

2016-06-10 16.29.25.jpg

Sulla rivista Starbene un nuovo spunto di riflessione a cura di Rossana Cavaglieri che ha intervistato la Prof.ssa Maria Beatrice Toro.

Iniziamo a respirare l’aria delle vacanze…il mese di giugno è ormai arrivato, il caldo alle porte, le scuole sono concluse, i ritmi incessanti dell’anno iniziano a ridimensionarsi e possiamo concederci di…

pensare ad una spiaggia lontana, ad un piccolo angolo di paradiso tutto per noi!

Con questa meditazione mindfulness – suggerisce la prof.ssa Toro – possiamo immergerci sin da ora nell’atmosfera della vacanza. Mentre respiriamo possiamo sentire l’onda delle emozioni che ci suscita questo scenario: la sua forza smuove il fondo del mare e, così come succede alla sabbia, anche le nostre preoccupazioni e i nostri pensieri disturbanti si depositano, diventando come dei piccoli granelli. Ed è alla fine che possiamo sentirci finalmente pervasi dalla felicità.

Un minuto per te…segui l’istinto!

2016-01-29 16.54.41_resized

Sulla rivista Starbene un nuovo articolo di Rossana Cavaglieri con un’intervista alla prof.ssa Maria Beatrice Toro.

Ora che la primavera sembra essere alle porte e iniziamo già a bramare l’estate…possiamo orientarci sulla profondità del mare e sui suoi coralli luminescenti, un fenomeno naturale – spiega la prof.ssa Toro- che descrive quello che avviene nella mente dell’uomo dove, sotto strati di abitudini, pensieri e convinzioni, esistono desideri che animano e agiscono nel profondo. I coralli rappresentano delle forme di vita misteriose che si manifestano in tutta la loro bellezza e suggeriscono quanto sia importante ascoltare le voci dell’istinto. Sebbene queste ultime possono farci talvolta sbagliare, rappresentano comunque un’esperienza unica e propria di ogni individuo che nessuno potrà mai insegnare.

E allora prendiamoci un brevissimo lasso di tempo per noi ed osserviamo la foto per 1-3 minuti e poi…seguiamo l’istinto!

Un minuto per te… nell’incanto del cielo stellato

2016-01-29 17.20.02_resized

Un nuovo spazio dedicato a noi stessi sulla rivista Starbene, a cura di Rossana Cavaglieri con un’intervista alla prof.ssa Toro.

Cosa c’è di più incantevole di un cielo stellato? Esso collega ogni cosa come un gigantesco network e proprio questo- spiega la prof.ssa Toro- può aiutarci quando ci sentiamo soli o ci troviamo lontani dalle persone care. Ci basta pensare che guardiamo ed abitiamo tutti sotto lo stesso cielo e siamo quindi tutti più vicini. Ma questa volta celeste è anche un luogo antico e misterioso e se siamo in grado di ascoltarlo può metterci in contatto con il nostro bambino interiore e regalarci tutta la magia del suo splendore.

Esercizi di nuda attenzione

imagesIn un intervista pubblicata sul sito Starbene.it, la prof.ssa Maria Beatrice Toro – psicologa e psicoterapeuta, nonché autrice insieme a Stefano Serafinelli, del nuovo libro “Mindfulness insieme. Coltivare la consapevolezza con sé stessi, in coppia e sul lavoro” – suggerisce alcuni esercizi di nuda attenzione verso l’ambiente e gli oggetti che lo compongono utili ad aumentare la consapevolezza di se stessi e dell’esterno.

Immagine1

  • Per interrompere le preoccupazioni su di sé e essere consapevoli dell’ambiente è possibile praticare un esercizio di PURA OSSERVAZIONE 

Si parte da una osservazione visiva degli oggetti che hai accanto proprio ora. Nota l’ampiezza del tuo campo visivo, notane la luminosità, i colori. Prima di valutare ciò che vedi in termini di giudizio (“Le cose che ho davanti mi piacciono/ non mi piacciono”, “C’è ordine, o disordine”, ecc.) nota le cose per come appaiono alla vista, come variazioni di luce e colore.

Dopo aver notato gli oggetti, scegline uno e osservalo per un minuto intero facendo caso ai particolari e guardandolo come se lo stessi vedendo per la prima volta. Solo dopo averlo fatto, pensa a quale utilità abbia per te e, mentalmente, esprimi gratitudine verso tutti i manufatti di cui disponi, che ti rendono la vita più semplice e comoda.

  •  Per favorire la calma mentale è possibile praticare UN MINUTO DI RESPIRO

Porta l’attenzione al tuo respiro, per un minuto. Osserva il respiro che entra nel corpo e ti riempie del soffio vitale, proseguendo poi il suo cammino fuori dal corpo, disperdendosi nell’aria. Non occorre andare oltre al minuto, perchè il tempo brevissimo ci consente di farlo sempre evitando la preoccupazione di non avere tempo. Inoltre meditare solo un minuto rappresenta un gesto umile, piccolo, segno che è sempre bene partire dalle piccole cose, specialmente se si vogliono muovere  cose grandi.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: