Maria Beatrice Toro

Psicologa Psicoterapeuta

Archive for the ‘Secondo Centro di Terapia Cognitivo Interpersonale’ Category

Carpe Diem: imparare a cogliere l’attimo

Posted by Maria Beatrice Toro su 17 febbraio 2015

RILASSATI, LIBERA LA MENTE E OSSERVA QUESTA FOTO SENZA STACCARE LO SGUARDO PER UNO-TRE MINUTI.

NON CONTROLLARE L’OROLOGIO: SE VUOI CONTA 18 RESPIRI, IL TEMPO DI UN MINUTO.
foto 2 (7)

I giochi sulla neve ti sintonizzano con le tue emozioni:

i pupazzi di neve ti ricordano che non smetti mai di essere bambina.

“Anche solo guardandoli pensi alla poesia che ispira questo gioco” – dice la psicoterapeuta Maria Beatrice Toro – “si fa tutti assieme, adulti e bambini, felici nell’atmosfera magica delle neve. Ognuno porta la su aidea, ed è un’occasione speciale per dare sfogo alla propria creatività.”

le emozioni che provi sono legate al piacere di costruire qualcosa di bello, cogliendo l’essenza di un attimo. 

“Perchè poi la neve si scioglierà e le forme cambieranno. Ma non per questo bisogna essere tristi.”

Le creazioni di neve ti mettono in sintonia con le trasformazioni della vita e della natura.

Lo stesso succede con i castelli di sabbia. E ti lasci andare al flusso delle emozioni come in un esercizio di meditazione.

Annunci

Posted in meditazione, mindfulness, Secondo Centro di Terapia Cognitivo Interpersonale | Contrassegnato da tag: , , , , | 1 Comment »

Recensione del libro “La cura psicologica del bambino”

Posted by Maria Beatrice Toro su 4 febbraio 2014

Per comprendere il disagio infantile e il suo significato, non si può che partire da quanto lo stile di vita e l’educazione del bambino siano cambiati negli ultimi 30 anni, con un’accelerazione formidabile dovuta ai cambiamenti nella struttura familiare e all’immersione nelle tecnologie della comunicazione. Dal 2000 in poi i bambini possono essere chiamati “nativi digitali” volendo sottolineare la loro diversa modalità di essere e di comunicare rispetto alle generazioni precedenti e ai genitori. 

L’approccio Cognitivo-Interpersonale al disagio infantile vuole intervenire non solo sul bambino, ma anche sul suo contesto ambientale, implementando trattamenti che prevedono sempre come complemento indispensabile, il coinvolgimento di genitori e nonni, nonché della scuola, studiando il bambino nel suo ambiente e verificando se, oltre alle dinamiche più propriamente psicologiche, siano presenti messaggi familiari disfunzionali, o tempi e stili di vita incompatibili con un pieno adattamento, o un contatto pervasivo con la virtualità, che rende il bambino dipendente e gli impedisce di mettere i videogiochi da parte e dedicarsi a modalità ludiche diverse e a relazioni ‘vis a vis’ con i coetanei.

Posted in 2TC, Cognitivo Interpersonale, duetc, Genitori, Infanzia, Maria Beatrice Toro, Psicologia, Psicoterapia, Secondo Centro di Terapia Cognitivo Interpersonale | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Violetta: il parere degli psicologi sull’ultima icona mediatica

Posted by Maria Beatrice Toro su 17 gennaio 2014

Perché questo personaggio creato dalla Disney si è imposto all’attenzione non solo e non tanto di adolescenti ma di bambine e soprattutto bambini anche di 4 anni di molti paesi, fenomeno senza precedenti? ne tratta Piera Lombardi in questo articolo http://www.controlacrisi.org/notizia/Altro/2014/1/15/39016-violetta-puo-nuocere-alla-salute-il-parere-degli-psicologi/

con il contributo di Maria Beatrice Toro.

Scrive Piera Lombardi:

“A differenza degli ‘idoli’ del recente passato, come Hannah Montana, ad esempio, il successo di Violetta si basa su un cocktail di elementi più realistici, che indica una sorta di iper-maturazione delle bambine, oggi in grado di accogliere scenari diversi da quelli della fantasia per buttarsi a capofitto in dinamiche molto simili a quelle della vita reale”.

Nativi digitali e merchandising

“Il successo di Violetta si deve anche all’appeal degli eventi associati: le prime cinematografiche, gli show dal vivo. Il merchandising classico, fatto perlopiù di magliette, zainetti, bambole e accessori per la scuola è stato affiancato alla dimensione interattiva, ormai irrinunciabile. Con l’evento, più che vendere un oggetto, si vende un’ ‘esperienza’ emotivo-relazionale. I nativi digitali colgono il valore aggiunto di questa dimensione e la moltiplicano attraverso la condivisione via smartphone”.

Nel futuro ci possiamo immaginare bambini adultizzati e adulti infantilizzati, sedotti dalla dimensione ludica del vivere. Attualmente, peraltro, le bambine sono molto precoci: l’età delle prime sfide con se stesse si è abbassata. A 8-10 anni hanno gusti musicali precisi, la band preferita, “i poster in cameretta, si preoccupano della linea, dell’abbigliamento e, persino, della loro ‘popolarità’! In Violetta c’è tutto questo: musica, sfida, competizione, intrighi tra amiche, innamoramenti, segreti e famiglie complicate”.

Si tratta di uno schiacciamento generazionale, laddove a bambini cresciuti in fretta si accostano adulti che non sempre hanno il coraggio di porsi come educatori. Presentarsi come compagni di giochi e scorribande consente di evitare il conflitto con i figli, che, però, in balia di se stessi, diventano, specie in adolescenza, facili prede di ansie e dipendenze.

Posted in 2TC, Adolescenza, Adultescenza, duetc, Famiglia, Genitori, Infanzia | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

TgTg-Telegiornali a confronto

Posted by Maria Beatrice Toro su 13 gennaio 2014

Ospite di TgTg-Telegiornali a confronto, la Prof.ssa Maria Beatrice Toro, insieme al conduttore e giornalista Donatello Vaccarelli, passa in rassegna i principali notiziari ponendo la sua attenzione sullo sfondo emotivo predominante nei media e sulle notizie che toccano tematiche  infantili e adolescenziali. 

Nella puntata hanno predominato le tonalità della rabbia: protesta, conflitto, rivolta verso il caos politico e sociale che i tg dipingono e che il pubblico percepisce, trascurando elementi più costruttivi.

Quali riflessioni sugli attuali adolescenti? Vivendo in una società precaria, che non offre prospettive, appaiono sempre più demoralizzati e demotivati e manifestano atteggiamenti depressivi.….sicuramente quella della disoccupazione è una grave piaga che affligge il nostro paese ma, sostiene la Toro, anche i ragazzi si crogiolano assumendo una posizione ambigua e passiva in nome del “nè studio, nè lavoro”.

Posted in 2TC, Adolescenza, Depressione, duetc, Infanzia, Psicologia, Secondo Centro di Terapia Cognitivo Interpersonale | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

La solitudine

Posted by Maria Beatrice Toro su 20 dicembre 2013

Perché la solitudine fa paura?

Viviamo in un mondo che appare denso di amicizie sia reali che digitali: basta osservare i profili facebook, twitter, instangram per rendersi conto dei numerosi contatti che le persone intrattengono. Eppure la solitudine fa paura!
“Si la solitudine fa paura!” afferma la psicologa e psicoterapeuta Maria Beatrice Toro che sostiene “ciò che spaventa le persone non è la paura di essere soli poiché autonomi, ma è la solitudine come condizione di abbandono, l’idea di essere impotenti, di non riuscire a entrare in contatto con l’altro, perchè lontano o diverso da noi”.

Le amicizie, i rapporti interpersonali, sono una forma di potere declinabile in termini di “Io posso entrare in contatto con l’altro!”, le relazioni sono fondamentali per l’individuo e, sottolinea la dottoressa, è estremamente importante trasmettere ai propri figli il valore delle relazioni.

In quanto genitori, infatti, siamo chiamati non solo a educare i nostri bambini ma anche a essere in grado di creare per loro uno spazio in cui abbiano la possibilità di relazionarsi, di entrare in contatto con l’altro, di avere dei legami, rispettarli e coltivarli. È necessario iniziare alla relazionalità sin da piccoli poichè il rapporto è sicuramente una risorsa ma è anche uno scoglio; se da una parte attira, dall’altra intimorisce in quanto presuppone una presentazione di se stesso all’altro, una valutazione, del proprio essere, da parte dell’altro, la possibilità di essere accettati, di essere scelti ma anche l’eventualità di essere esclusi e la frustrazione che ne consegue……

Nei rapporti interpersonali spesso c’è una polarità tra chi vive l affettività come propria necessità di contatto con l’altro, come bisogno di calore e chi invece la vive come risonanza con il proprio mondo interno. Quest’ultimo può apparire più egoista, più centrato su di sè ma, in realtà, sono entrambi caratteri in grado di accudire gli altri: i più autonomi spesso anche con grande generosità perché “sono liberi” e quindi in grado di offrire un “amore libero”, sono due mondi differenti ma complementari di essere, di esprimersi e relazionarsi.

Posted in 2TC, duetc, Psicologia, Relazioni, Secondo Centro di Terapia Cognitivo Interpersonale | Contrassegnato da tag: , , , , | 1 Comment »

Arte, mito e Psicologia sotto il cielo di Roma

Posted by Maria Beatrice Toro su 10 giugno 2013

Apre la mostra di arti figurative “Volti in attesa”

presso il nuovo centro di psicologia 2TC

Giovedì 13 giugno, alle 19, apre i battenti a Roma 2TC –  duetc, Secondo Centro di Terapia Cognitivo Interpersonale – diretto dalla Prof. Maria Beatrice Toro: opererà nel campo della psicologia, secondo un approccio centrato sui temi della consapevolezza e della relazionalità. 

L’evento inaugurale intreccia il mondo della psicologia con quello dell’arte, per sollecitare intuizioni che mirano a raggiungere il benessere personale attraverso la fruizione della cultura. Il primo artista in mostra, presso la sede del nuovo centro in via Nomentana 257 a Roma, sarà Ornella Flora Curatolo con “Volti in attesa”, una serie di collage che narrano attraverso volti e oggetti del passato storie e situazioni inedite. 

Arte mito e psicologia RETRO

Quello di giovedì sarà il primo di una lunga serie di appuntamenti, organizzati in collaborazione con l’associazione culturale ArteFacto. Il ciclo di eventi  “Arte in-attesa”, ideato e curato da Lucia Collarile, proseguirà a settembre con una seconda esposizione, sempre presso la sede del Secondo Centro di Terapia Cognitivo Interpersonale, alla scoperta delle figure mitiche presenti nell’arte, che hanno ispirato nei secoli la costruzione delle identità personali.

Da ottobre in poi sono previste conferenze, seminari esperienziali, laboratori di Arteterapia ed inoltre, visite guidate alla presenza di diversi esperti nei capi dell’arte, dell’archeologia e della psicologia, per dare vita a esperienze ricche di contenuti ed emozioni. Saranno inoltre attivi i servizi di terapia individuale, terapia infantile, logopedia, terapia di coppia, familiare e di gruppo (Mindfulness, training autogeno, yoga), condotti da esperti nelle varie discipline. per  info segreteria@duetc.it

Posted in 2TC, duetc, Maria Beatrice Toro, Psicologia, Secondo Centro di Terapia Cognitivo Interpersonale, Spiritualità | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: