Il festival dei sogni!

Articolo pubblicato su Donna Moderna -In Privato- del 4 agosto 2015

FullSizeRender (15)

Da 25 anni il Festival dei Sogni  incanta l’estate di Innsbruck: dal 5 al 31 agosto si celebrano, infatti, sogni e forme artistiche originali e visionarie.

In questo articolo la prof.ssa Maria Beatrice Toro illustra come i sogni siano fondamentali e rappresentino la nostra carta di identità purchè non ci inducano alla chiusura, degenerando in fantasticherie consolatorie. Il sogno è fondamentale e – rinunciandovi – l’individuo tradirebbe se stesso, abbandonando la parte più viva e vitale di sè.

I sogni:

1) Sono il carburante della speranza: avere un sogno significa perseguire un obiettivo e  ricercare un cambiamento- sostiene la prof.ssa Toro- e la trasformazione può crescere dentro ciascuno di noi proprio attraverso i sogni che sono alimentati dalla speranza;

2) Ritornano a farsi sentire dopo i 40 anni: a quest’età riaffiorano i sogni lasciati nel cassetto perchè si era impegnati a realizzarsi nel lavoro e in famiglia. Ora i sogni possono essere investiti di nuova energia. Si tratta di un momento di grande creatività e spesso si origina con fiducia e amore un ritorno ai luoghi dell’infanzia;

3) Servono da stimolo per il presente: coltivare i propri sogni non significa rifiutare il presente o trasformare quest’ultimo in un parametro di giudizio della propria esistenza. La prof.ssa evidenzia come sia necessario invece ripensare al fatto che siamo tutti figli di un sogno, quello dei nostri genitori ed è per questo che la nostra vita è intrisa di obiettivi e desideri;

4) Rappresentano la nostra carta di identità: tradire i nostri sogni – continua la prof.ssa Toro- è più pesante di un fallimento perchè negare le nostre aspirazioni vuol dire rinunciare ad una parte di noi stessi ed indossare una maschera, soccombendo a continui compromessi.

Annunci

La sfiducia nel futuro porta spesso alla rassegnazione e recide i più profondi legami con la vita

La sfiducia nel futuro ci porta spesso alla rassegnazione. Affronta questo tema la Prof.ssa Maria Beatrice Toro, ospite alla trasmissione Life in onda sul canale Rai Radio 1.

“Quando una persona non ha fiducia nelle proprie capacità può rinunciare ai propri sogni, ai propri progetti e assumere un atteggiamento di downloadchiusura e freddezza emotiva. La sfiducia negli altri può celare un atteggiamento di onnipotenza oppure generare un atteggiamento di autosufficienza compulsiva per cui l’individuo ritiene di essere sufficiente a se stesso e respinge gli altri nella convinzione di non avere bisogno di nessuno all’infuori di sè stesso. In verità la sfiducia va a recidere i legami più profondi che abbiamo con la vita, noi tutti nasciamo con l’istinto di fidarci e affidarci all’altro, se la famiglia d’origine non promuove la fiducia reciproca, anzi, alimenta un atteggiamento di sfiducia è importante imparare a correggere il tiro e non generalizzare questo atteggiamento all’intero contesto esterno.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: